Penso che la vita è la cosa più importante, però non bisogna fermarsi. Bisogna andare avanti convivendo con questa situazione cercando di limitare i danni. Se ci fermiamo siamo perduti perché perdiamo sponsor e introiti, senza dei quali non potremmo ripartire e finirebbe la pallacanestro”.
Lo ha detto Nando Gentile, bandiera della Juve Caserta e della Nazionale di basket, intervenuto a a Extratime su Radio1Rai.
Uno dei playmaker più forti di sempre del basket italiano, Gentile ha vestito le maglie anche dell’Olimpia Milano e in Grecia del Panathinaikos.
Su quanto pesa la mancanza di pubblico sugli spalti a causa del Covid, Gentile dice: “Non dico il 100%, ma quasi. Io vedo le partite e mi sembrano tutte amichevoli. Non c’è entusiasmo e non c’è chi ti trascina. C’è la voglia di vincere, ovviamente, ma il basket è uno sport nel quale il pubblico vive a contatto con i giocatori”.
Milano nel destino: dopo aver vinto proprio contro l’Olimpia lo storico Scudetto di Caserta nel 91, Gentile è stato capitano di Milano nel titolo del ‘96 e più di recente suo figlio Alessandro, è stato capitano e vincitore di due Scudetti con la squadra regina del basket italiano.
Milano favorita anche quest’anno? “Tutti gli anni si dice che Milano è la squadra da battere, ma il bello del basket è che non si vince con le parole e con i nomi, ma si vince sul campo. Detto questo, Milano rimane grande favorita – ha dichiarato Gentile – per il roster, per il budget, per gli allenatori e l’organizzazione, e le squadre che possono dare fastidio sono Bologna, Venezia, Sassari.  Per vincere sarà importante arrivare bene fisicamente e mentalmente ai play off che sono un campionato a parte con tante partite e viaggi ravvicinati.”

Fonte: Raisport

https://www.raisport.rai.it/articoli/2020/11/basket-gentile-salute-importante-ma-non-possiamo-fermarci-2d412a6e-b5b1-476e-a4ca-97acf172ee6c.html